Autoeur Brandini, concessionaria BMW Group Italia dona 1500 mascherine alla Croce Rossa Italiana di Firenze

Autoeur Brandini, concessionaria BMW Group Italia dona 1500 mascherine alla Croce Rossa Italiana di Firenze

L’iniziativa di solidarietà legata all’emergenza COVID-19 coinvolge la filiale italiana del BMW Group e 12 Concessionari della Rete ufficiale della Casa, che hanno deciso di donare in totale circa 50mila mascherine FFP2.

Firenze, 11 maggio 2020: La Concessionaria Autoeur Brandini, insieme al BMW Group Italia e altri 11 organizzati della Rete ufficiale di vendita del gruppo bavarese in Italia, nell’ottica di offrire un contributo all’emergenza COVID-19 attualmente in corso nel nostro Paese, ha partecipato alla donazione di circa 50mila mascherine ad alcune strutture impegnate in prima linea con il proprio personale medico e paramedico. In particolare, Autoeur Brandini ha destinato ben 2 mila mascherine FFP2 alla Croce Rossa Italiana di Firenze e Pistoia.

“Siamo molto riconoscenti a Autoeur Brandini per il loro supporto anche nella cosiddetta fase 2 dell’emergenza. La battaglia contro il Coronavirus sarà ancora piuttosto lunga e l’aiuto da parte delle aziende è l’unico sostegno che ci consentirà di poter proseguire in sicurezza tutte le attività” è il commento di Lorenzo Andreoni, Presidente della Croce Rossa di Firenze “La nostra gratitudine va a tutto il gruppo Brandini che ci ha appoggiato per tutta la prima fase dell’emergenza, contribuendo con mezzi e materiali.”

Autoeur Brandini e gli altri 11 Concessionari hanno deciso di devolvere interamente l’importo derivante da un contest interno (che li aveva visti aggiudicarsi un riconoscimento per le performance conseguite nel 2019) a questa iniziativa per offrire una testimonianza concreta del proprio impegno nel territorio.

“BMW Group Italia” ha dichiarato Massimiliano Di Silvestre, Presidente e A.D. di BMW Italia S.p.A. “è da sempre impegnata in attività di responsabilità sociale d’impresa con un programma denominato SpecialMente, ricco e articolato, che abbiamo confermato interamente anche per il 2020 perché crediamo che questi valori siano ancora più importanti ed essenziali sia nell’emergenza che stiamo vivendo in questo periodo che nella fase successiva. Abbiamo deciso di portare un contributo al personale medico e paramedico che in queste settimane sta facendo un lavoro straordinario in difesa delle vite umane, insieme a ad alcuni concessionari della nostra rete che hanno accolto con entusiasmo l’idea di convertire un programma incentive legato alle performance del 2019 in un gesto di attenzione nei confronti di chi è in prima linea ad affrontare l’emergenza.”

Tags: